Alcuni ritagli di stampa nazionale ed estera

----------------------

Brescia Oggi Martedì 31 Luglio 2001

Forlì. Ad oltre 60 anni dall' ultima volta, si è riaperta al pubblico, alla periferia di Forlì, Villa Carpena, la residenza della famiglia Mussolini. L' occasione è stata data dalla ricorrenza della nascita di Benito Mussolini (29 luglio 1883). Letteralmente stracolma di cimeli del Ventennio, Villa Carpena sarà visitabile tutti i giorni del periodo estivo, mentre nei rimanenti mesi sarà aperta nei fine settimana. All' interno di quella che è stata la dimora preferita da Benito Mussolini, si trova lo studio con tutto l' arredamento originale, la vasta biblioteca, con rari volumi e l' opera omnia di quanto scritto da Benito Mussolini, la camera da letto, occupata da Rachele Mussolini sino alla sua morte, avvenuta nel 1976. 
Molti i cimeli storici legati direttamente alla vita ufficiale e privata di Mussolini, compresa gran parte del materiale sonoro e cinematografico a lui legato. Tra i cimeli personali uno dei soli due ritratti, eseguito dal pittore di corte d' Inghilterra, per cui il capo del fascismo accettò di posare. Il suo famoso violino, le racchette da tennis e gli sci che usava nei momenti di relax. Copiosissimi i documenti e le foto che ripercorrono tutta la vita di Mussolini e della sua famiglia. 
Villa Carpena, acquistata nel 1914 da Rachele, vendendo anche la macchina del marito Benito, allora dell'Avanti e impegnato al fronte, è ora di proprietà di una società formata da Domenico Morosini e Rocco Cariddi, due appassionati cultori delle memorie mussoliniane, e da Romano Mussolini. «La nostra non è un' iniziativa speculativa - ha precisato Domenico Morosini. Il nostro è un atto doveroso di tutela di un patrimonio storico che deve essere a disposizione di tutti»

----------------------

GuardianUnlimited
Italians grow nostalgic for the days of Mussolini
Il Duce has a fascination for a country which sees itself only as a victim of fascism, and has not accepted its own role

Rory Carroll in Rome
Guardian

Monday September 10, 2001

Fifty-six years after he was shot and strung upside down in Milan's Piazzale Loreto, Benito Mussolini is enjoying a revival as Italy's shame about the dictator yields to fascination.

In the dying days of the second world war he tried to flee his countrymen's wrath disguised as a German soldier but today they cannot get enough of Il Duce.

For some critics the surge of interest sails too close to rehabilitation: honour guards at the tomb, his picture adorning products, his former homes turned into hotels and his apologists in the government.

Historians say Italy's policy of covering up fascist crimes - exposed by new research - has spawned a creeping nostalgia unimaginable in its wartime ally, Germany.

"This present rehabilitation of the man who allied himself politically and militarily with the Nazis, who persecuted Italian Jews without prompting from Hitler, who dragged Italy into a disastrous war, is not surprising.

"It is a reflection of serious changes in Italian society and politics," wrote James Walston, a historian at the American University in Rome, in Italy Daily.

Writers, filmmakers and tourism bosses are accused of generating a heritage industry which turns Italy into a "Benitoland" where the dictator's atrocities are forgotten.

Several of the dictator's former residences have been swept up in the marketing boom. For example, the Villa Carpena opened last month as a "house of memories" after being bought for a reported £700,000, contents included, by a group of businessmen.

And when Alessandro Lunardelli, a winemaker in Udine, near the Austrian border, boosted sales by adorning labels with pictures of Mussolini, a court rejected a suit to stop production filed by Jewish groups. Mr Lunardelli has since branched out into labels with pictures of Hitler, Stalin and Lenin.

Offices and residences of Mussolini's Republic of Salo, a fascist rump regime set up with German help after his overthrow in 1943, have become bars, hotels and holiday homes.

A televised interview with the dictator's daughter, Edda (now dead), drew 3.5m viewers last week, ratings considered astonishingly high for a documentary on a minority-interest channel, Rai 3.

Italy's centre-right government, elected in May, includes the blackshirts' heirs, the National Alliance, which has renounced fascism but is prone to spasms of nostalgia.

A parliamentary deputy, Alessandra Mussolini, is a chat-show fixture who lauds her grandfather. One of the party's cabinet ministers, Mirko Tremaglia, is openly proud of having fought for Mussolini.

In 1945 he could have been shot for saying that. Thanks to his hero Italy had been humiliated, occupied and ravaged by civil war. Crowds cheered as fascist symbols were toppled from buildings.

Yet unlike in Germany there was little pressure to atone for fascism because Italians were deemed its victims, not perpetrators, despite having supported the regime for 21 years.

Its invading troops killed hundreds of thousands of civilians in Africa and the Balkans but Italians today focus on atrocities committed on their soil by Germans after the country switched sides in 1943.

The failure to prosecute Italian war criminals, in contrast to their German and Japanese allies, allowed succeeding generations to partly sanitise Mussolini, said Lutz Klinkhammer, of Rome's German Historical Institute.

"Trials are very important in the formation of public memory; they create a dominant narrative. The lack of trials partly explains why Italy remembers only the pain it suffered, not the pain it inflicted.

"Lack of guilt facilitates nostalgia and this image of Mussolini as a moderniser, a popularising, humanising force."

Mr Klinkhammer and Filippo Focardi, of the University of Florence, have found documents revealing how post-war Italian governments protected suspected war criminals.

The anti-fascist partisans who executed Mussolini - and legitimised the new republic -cooperated in the cover-up for the sake of national unity.

Rome promised to cooperate with a UN war crimes tribunal and to investigate more than 1,700 men wanted by Libya, Ethiopia, Yugoslavia, Greece and the Soviet Union.

A commission of inquiry issued arrest warrants as part of an elaborate system of justice. It was a charade. Documents signed in 1946 by Alcide De Gasperi, the prime minister, and Giulio Andreotti, a future prime minister and today a serving senator, show the intention was to save the suspects' - and Italy's - honour.

Mr Klinkhammer and Mr Focardi have also revealed that the failure to extradite Germans who murdered Italians - a rich source of postwar victimhood - was dictated by Rome's fear of a "boomerang" effect against Italians wanted by Yugoslavia.

Other academics have greeted the research with stony silence, a reaction familiar to the small minority who explore fascism's darker corners. Some left-leaning intellectuals have picked up on the new research but Dr Klinkhammer doubts it will dent the revival of Il Duce. "There is more interest in what type of car he drove."

The rehabilitation and subsequent marketing of Italy's fascist dictator has taken some strange turns.

Mussolini's birthplace, the town of Predappio, near Bologna, has cashed in. Souvenir shops sell T-shirts, baseball caps and calendars adorned with the silhouette of a jutting chin and bald head.

Mussolini's house is open to the public and two men in black stand guard at his grave. Thousands turn up on April 28, the anniversary of his death.

Alessandro Lunardelli, a winemaker in Udine, boosted sales by adorning labels with pictures of Mussolini.

Capri celebrated its Settembrata festival with a fascist parade, replete with black shirts and jackboots. "We thought we were being ironic," said Mario Staiano, a tourist commissioner. Rory Carroll


Guardian Unlimited © Guardian Newspapers Limited 2002

---------------

ROFONDO NORD
Quant'è trendy Benito
Si è risvegliato l'interesse per il Duce. Con tanto di pellegrinaggi

di Bruno Manfellotto

I poveri vigili di Predappio fischiavano e smanacciavano. Mai vista una folla così: traffico in tilt, automobili da tutt'Italia, fedelissimi a piedi, in pellegrinaggio alla tomba del Duce. Indimenticabile questo 28 ottobre, settantanovesimo anniversario della Marcia su Roma. Camicie nere e fez, labari e saluti romani. E, nella lunga fila in attesa dinanzi alla tomba dei Mussolini, nel piccolo cimitero di San Cassiano, anche un drappello di skinhead e di ausiliarie della Repubblica di Salò. Non basta. Per la prima volta una messa è stata celebrata anche a Villa Carpena, alla periferia di Forlì, residenza preferita da Benito e donna Rachele, appena acquistata dal milanese Domenico Morosini, grande collezionista di cimeli del Ventennio, per trasformarla in un'attrazione turistico-culturale: un museo. A giudicare dal vernissage, si prevede successo di cassetta.

Che cosa sta succedendo? Ha forse ragione il "Washington Post" quando s'allarma perché la memoria del fascismo sta esplodendo nel subconscio italiano? Diciamo che sta prepotentemente riemergendo. Almeno nel Profondo nord. Da quando la Presidenza della Repubblica ha ridato visibilità al tricolore, le prefetture e il Quirinale sono bombardati dalle richieste di sedicenti Brigate Mussolini, Brigate Nere e simili, ansiose di partecipare alle manifestazioni di piazza con Carlo Azeglio Ciampi. È successo a settembre a Gorizia, e a novembre a Solferino: si sentiva puzza di strumentalizzazione ed è stato detto di no.

Ancora. È stato firmato a Brescia l'atto costitutivo del Centro studi e documentazione sulla Repubblica sociale italiana che si avvale degli archivi del maresciallo Graziani e dello storico Duilio Susmel e che avrà naturalmente sede nella vicina Salò. Un intento revisionista? «Macché, e poi io sono di cultura antifascista», mette le mani avanti l'assessore regionale alla Cultura, il leghista Ettore Albertoni, grande sponsor di un'operazione che però qualche anno fa sarebbe stata impensabile.

Antonio Caramaschi, invece, un vispo sessantenne che cura il partito di Pino Rauti nel Cremonese, ha fatto appello a tutti i sindaci della provincia perché intitolino una strada o una piazza a Benito Mussolini, statista. È giunta l'ora, dice. Si attendono risposte. Atmosfera tesa anche a Trieste, dove la nuova giunta comunale di centro-destra, dopo aver ricollocato nella galleria dei sindaci in municipio il ritratto di Cesare Pagnini, podestà fascista nei giorni della Risiera di San Sabba, prima ha ribattezzato in Comitato per la difesa dei valori della libertà lo storico Comitato per la difesa dei valori della Resistenza (mettendolo per di più alle dirette dipendenze del presidente della Provincia, un uomo di An); poi ha licenziato i tecnici della commissione per la toponomastica. Obiettivo, inaugurare al più presto una via Giorgio Almirante e una via Almerigo Grilz, attivista del Fronte della gioventù. C'è ancora troppa Resistenza in città, spiegano in Comune. A chi le strade? A noi!

b.manfellotto@gazzettadimantova.it

06.12.2001

------------------

IL RESTO DEL CARLINO

Il battistero del Duce ? Non c'è più

Aleggia su Predappio e arriva alle porte di Forlì, a Villa Carpena. Scatena discussioni il fantasma di Mussolini, ma non fa più paura, ormai esorcizzato dal tempo. Anzi crea interessi da collezionisti, alla ricerca di pezzi unici che ne ricordino il passato. Anche a costo di incappare nella classica paccottiglia. Ma i più decisi cercare il cimelio vero.
A tutti i costi. Così dalla chiesa di San Cassiano, dove venne battezzato Mussolini è sparita la parte alta del battistero. I soliti ben informati dicono che sia in restauro, ma i più maliziosi non esitano a puntare il dito su don Luigi, il parroco. Che in tutta tranquillità parla di restauri in corso. «C'è stato un milanese che lo ha comprato per meno di un milione, una sciocchezza. Io avrei pagato molto di più» dicerie? Un cacciatore di cimeli scommette che qualcuno l'ha fatta sua. E oggi ricorre l'anniversario della nascita del Duce. Una coincidenza fatta apposta? La parte lignea del battistero sarebbe volata a rendere più preziosa la collezione privata di un milanese. Il passaparola si ferma qui. Dove sia veramente il battistero nessuno lo sa. «E' al restauro- ripete don Pier Luigi- tornerà meglio di prima». L'apertura della casa natale e la guardia d'onore alla sua tomba, nel cimitero di S. Cassiano segnano le sue date fatali: la nascita e il riposo. La storia lo ha superato, ma non dimenticato, Benito Mussolini. Passati gli anni delle contrapposizioni e dei lutti, è come se l'ingresso nel terzo Millennio abbia aperto una fase nuova nel rapporto fra il fantasma di Benito e Predappio. Il rifiuto politico resta chiaro in un Comune che ha eletto una giunta di centrosinistra, ma la città ha capito quanto sia importante per la sua economia avere dato i natali a Mussolini. La nostalgìa qui può essere un profumo che si vende nei negozi di souvenir o il retaggio di un tempo passato che i turisti catturano in un ricordo da portare a casa al ritorno delle vacanze. Quanto a souvenir invece Pierluigi Pompignoli non ha niente da invidiare ai grandi del marketing. Lui e la sua Predappio tricolore hanno avuto un'idea vincente: anticipare il 2002 con un calendario. 100 mila copie adesso e 200 mila dopo. «E' la prima volta dopo la caduta del fascismo - dice orgoglioso - che si trova edicola un calendario con la guida ai luoghi di Mussolini». Intanto a Villa Carpena vedremo in mostra pezzi pregiati come il violino di Mussolini, il trattore di Donna Rachele, libri, quadri, opere d'arte, statue di marmo, bronzi, mobili, bandiere, gagliardetti, medaglioni celebrativi e documenti con originali vergati dal Duce e da D'Annunzio.
Nelle foto di Giorgio Sabatini: il battistero di San Cassiano, la Villa di Carpena e Luigi Pompignoli con il calendario del 2002 dedicato a Benito Mussolini

di Enrico Zavalloni

-----------

THE GUARDIAN

CRESCE IN ITALIA LA NOSTALGIA PER MUSSOLINI?

Se lo chiede in un articolo "The Guardian"

"Cinquantasei anni dopo la sua esecuzione in Piazzale Loreto, a Milano, la figura di Benito Mussolini sta conoscendo un revival grazie ad un rinnovato e mai sopito potere di fascinazione". Inizia così un'interessante analisi apparsa sul quotidiano inglese "The Guardian" lo scorso 10 settembre. Rory Carrol, autrice del pezzo, si chiede se sia davvero in atto una riabilitazione della figura del Duce. "Tutto questo è segno di un cambiamento in corso nella società e nella politica italiana", afferma lo storico James Waltson: "la riabilitazione di un uomo che si è alleato con il nazismo, che ha condotto l'Italia in una guerra disastrosa, che ha perseguitato gli ebrei, non è quindi sorprendente". La Carrol fa alcuni esempi a sostegno di questa tesi: le guardie d'onore alla tomba, le effige fasciste e le foto di Mussolini che adornano prodotti, il boom dei viaggi nei luoghi mussoliniani, da Predappio a Villa Carpena, con souvenir e musei al seguito. E ancora, l'ex partito fascista nel Governo recentemente eletto: nelle sue fila la nipote di Mussolini "che negli show televisivi loda l'operato di suo nonno" e un Ministro, Mirko Tremaglia, che "va fiero di aver lottato per Mussolini durante la Repubblica di Salò". La giornalista si sofferma anche sul risultato di audience - tre milioni e mezzo di spettatori - registrato dall'intervista a una delle figlie del Duce, Edda, mandata in onda nelle settimane scorse su Rai Tre con un risultato sorprendente per un prodotto con poco appeal mandato in onda sulla rete pubblica minore. Gli Italiani oggi si concentrano sulle atrocità commesse dai tedeschi sul proprio territorio dopo il 1943, dimenticandosi degli eccidi commessi dalle proprie truppe nei ventun anni di regime sui civili in Africa e nei Balcani. "Il vero motivo per cui l'Italia non avrebbe perseguito fino in fondo in passato i criminali di guerra nazisti", continua la giornalista, "risiedeva nella voglia di preservare a sua volta i criminali di guerra italiani, che sono stati "protetti" dai governi del dopo guerra". Lo dimostrerebbero dei documenti ritrovati dagli storici Lutz Klinkhammer e Filippo Focardi: "i partiti anti-fascisti che hanno giustiziato Mussolini e legittimato la nuova Repubblica hanno cooperato insieme nella copertura dei responsabili per il bene dell'unità nazionale".

----------

THE AGE COMPANY LTD 2001

Memories of Il Duce to go on show
ROME
Friday 6 July 2001

Benito Mussolini's country home has been sold by his heirs and is to become a museum.

The Villa Carpena was sold with its contents, including Il Duce's bed and desk, for a reported $A1.9 million to developers. The house, near Forli in the Emilia Romagna region, had been in the family since World War I.

The purchasers, Immobiliare Carpena, a firm set up especially to buy the villa, said that they were not fascist sympathisers but businessmen with a keen interest in memorabilia from the period. They plan to open the villa to visitors later this month as a "house of memories" and to scholars who wish to study Mussolini's papers.

It was at the villa that he read his newspapers in the gazebo, while his wife, Donna Rachaele, prepared homemade pasta in the kitchen. Their two youngest children, Romano and Anna Maria, were both born there.

Over the years the villa became a symbol of the Mussolini regime. After the dictator's death in 1945, Donna Rachaele continued to live there. Her eldest son, Vittorio, lived there until his death in 1997. He was survived by his widow, Monica, who then lived there on her own until recently.

Close by is the town Predappio, where Mussolini was born in 1883, and where he now rests.On April 28 each year, old and new fascists flood in to commemorate his death.

 

© CASA DEI RICORDI webmaster Marco Faltoni Time Studio

apertura tutti i giorni dalle 9,00 alle 12,00 - 14,00 - 18-00 incluso festivi - ingresso € 10,00 a persona, visite di gruppo € 8,00 - Via Crocetta, 24 Carpena (Forlì) Tel Fax:.0543-89507 Tel.333-3052908 Gsm.338-6641364 e-mail