Ripassiamo la Storia per

NON DIMENTICARE MAI

 

L'avevamo già fatto su "La Vedetta" di un paio d'anni fa, ma visto che ancora oggi qualche sprovveduto si meraviglia delle nostre posizioni in difesa dello Stato Sociale, rifacciamo l'elenco delle

PRINCIPALI LEGGI SOCIALI E DELLE PRINCIPALI

OPERE DEL FASCISMO:

1923 Assicurazione invalidità e vecchiaia -

1923 Assicurazione contro la disoccupazione 

1923Assistenza ospedaliera ai poveri

1923 Tutela del lavoro di donne e fanciulli

1923 Riforma della Scuola (Riforma "Gentile")

1925 Opera Nazionale Maternità e Infanzia (OMNI)

1927 Assistenza illegittimi e abbandonati o esposti.

1928 Assicurazione obbligatoria contro la TBC

1928 Esenzione tributaria per le famiglie numerose

1928 Assicurazione obbligatoria malattie professionali.

1929 Opera Nazionale Orfani di guerra

1933 Istituto Nazionale Infortuni sul lavoro (INAIL)

1935 Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS)

1937 Settimana lavorativa di 40 ore (prima di 48 e oltre)

1937 Ente Comunale di Assistenza (ECA)

1937 Assegni familiari

1937 Casse rurali ed Artigiane

1943 Istituto Naz. Ass. malattia ai lavoratori (INAM)

1944 Socializzazione delle Imprese.

Dal 1933 al 1939 grandi bonifiche aree paludose Pontine, Emilia, Sardegna, Bassa Padana, Coltano, Maremma Toscana, Sele, appoderamento del latifondo siciliano e fondazione delle città di Littoria (oggi Latina), Sabaudia, Aprilia, Pomezia, Guidonia, Carbonia, Fertilia, Segezia, Alberese, Mussolina (oggi Alborea), Tirrenia, Tor Viscosa, Arsia e Pozzo Littorio e di 64 borghi rurali.

Acquedotti Pugliese, del Monferrato, del Perugino, del Nìsseno e dei Velletrano.

Parchi nazionali del Gran Paradiso, dello Stelvio, dell'Abruzzo e dei Circeo.

Istituto Nazionale Case popolari.

Istituto Nazionale Case impiegati Statali (INCIS). Opera Nazionale Dopolavoro.

Colonie marine e montane per i fanciulli.

Centrali idroelettriche ed elettrificazione linee Ferroviarie.

 

Tutto quanto sopra fu realizzato dal Fascismo per gli italiani, grazie alla ferma volontà di Benito Mussolini, in meno di vent'anni di potere, dei quali sei di guerra e due (1929 e 1930) della più spaventosa crisi economica mondiale,'senza gli aiuti di nessuna Nazione ed anzi contro il sabotaggio e le sanzioni della nemica Inghilterra a capo della cordata delle democrazie plutocratiche dei capitalismo mondiale.

 

(da "Italia Volontaria")

© CASA DEI RICORDI webmaster Marco Faltoni Time Studio

apertura tutti i giorni dalle 9,00 alle 12,00 - 14,00 - 18-00 incluso festivi - ingresso € 10,00 a persona, visite di gruppo € 8,00 - Via Crocetta, 24 Carpena (Forlì) Tel Fax:.0543-89507 Tel.333-3052908 Gsm.338-6641364 e-mail